facebook-domain-verification=mxa3rc786hjnhrxoertc3vhfytq2hw
 

Anima... Animale

Ti è mai capitato di cogliere quel sottile legame che esiste tra te, la Natura e il regno Animale?

A me si, ma andiamo per ordine, partiamo da qui…

Trasferirmi dalla città al cuore dell’Appennino Tosco-Emiliano da adolescente, penso sia stato il più grande dei doni che, ad oggi, abbia ricevuto dall’Universo, e grazie agli insegnamenti di mio padre, ho imparato ad osservare ciò che mi circonda, con grande attenzione, e profondo ascolto.

Quel sottile legame appare in tutte quelle straordinarie metamorfosi di cui la natura pullula.

Far entrare tutto questo in me, è stato il passaggio più naturale che potesse avvenire, mentre il trovare il giusto equilibrio con la mia parte più razionale è stato, ed è, più complicato.

Già da bambina mi veniva naturale osservare le meraviglie della natura, come se parlasse un linguaggio sottile, come se sentissi di poter comunicare con essa. Da lì ho imparato ad entrare in connessione con i Monti, gli Alberi, il Mare, con un Animale sull’altra riva di un Fiume, o essere guidata da una Civetta verso casa durante una passeggiata notturna in un bosco.

Il linguaggio, di cui parlo è un ascolto reciproco fatto di tanti silenzi, creato dal sottile suono delle emozioni.

Sempre più consapevole di questo, ho imparato, negli anni, a comprendere che la magia esiste e ha molteplici forme in cui si manifesta.

Crescendo ho imparato a rapportarmi con la Natura con profondo rispetto e accoglienza, come se fossi al cospetto della più potente delle Maestre, e da umile allieva mi sono messa ad accogliere gli infiniti insegnamenti che Lei sa dare.

Comunicare con essa, sentirne le vibrazioni e accogliere quelle emozioni, per me è come essere in una profonda e altrettanto sottile comunicazione con la mia parte più Animale, (da Anima).

Imparando anche a comprendere quale strumento meraviglioso e altrettanto difficile sia l’empatia.

Avere un legame così sottile con l’esterno mi ha portata ad averlo anche con le persone e questo a volte può essere più complicato da interpretare.

Nel tempo, ovviamente, molto di questo istinto l’ho perso: quello che da bambina veniva così naturale oggi è uno stato da ricercare, un tempo da ricavare, un momento da cogliere.

Anche la magia cambia forma così, oggi, quando ho bisogno di risposte, quando ho bisogno di quella me così profonda, vado dentro ad un bosco o vado sulla riva del mare o di un fiume e ascolto, oppure immagino di essere quel bosco, quel fiume e a volte questo basta.

Come ben sai, immagino che valga anche per te, nel quotidiano, in quel ordinario di tutti i giorni, è veramente difficile attingere a questa infinita risorsa.

Molto spesso anch’io la sento lontana da me, perché le priorità sono sempre altre, le cosa da fare sempre tante, e il tempo per fermarsi sempre troppo poco. L’unica cosa che mi viene da dire è “Beh! domani se ho tempo vado a fare una passeggiata” e questo è veramente molto triste.

Ogni tanto mi capita di vedere un’alba o di ascoltare il sottile e profondo suono della pioggia e allora so che da qualche parte, nel profondo l’Anima è in comunicazione con tutto ciò che vedo e oltre, allora non posso far altro che sorridere, e dire “Beh! domani sarà meglio di oggi

Non sempre raccontare questo ad altri porta automaticamente ad essere compresi. Molte delle persone che frequento e conosco abitano in città, o in contesti molto diversi dal mio, quindi il poter comprendere questo tipo di legame, riuscire ad entrare in questo tipo di risonanza è comprensibilmente difficile.

Pensandoci, però, ristabilire quel primordiale legame con la Natura può non essere impossibile. Per esempio, ti è mai capitato di fare una piccola e rapida ricerca, su quello che riguarda la simbologia degli animali? Per curiosità o perché credi in questo tipo di consultazione?

(…)”La simbologia degli animali permette una visione microcosmica dell’universo e dell’essere umano.

Gli animali esprimono la dimensione istintiva e pulsionale dell’uomo, sia nella sua natura positiva sia nella sua natura negativa, a seconda se sono assoggettati o no ai sensi e alle passioni.